#BlogUpMyLife di luglio, quando in testa c’è altro che il blogging

Blogging

Siamo in mezzo alle vacanze, con il caldo forse il blogging dovrebbe essere sospeso? Tra i bimbi a casa, le giornate d’estate che fanno vivere le esperienze nuove o rivivere le vecchie fuori casa, il computer sta un po’ a riposo.

Sono riuscita a non trascurare il blog a luglio, ho pubblicato sette articoli, ma ho capito che come persona che crea i contenuti in rete (chiamata blogger 😉 ) senza il blog posso anche funzionare, ma non andrei molto avanti senza social media ed in particolare senza la Pagina Facebook.

Ci sono dei momenti nei quali il blog si cura meno, ma per non perdere il contatto con i propri lettori non va trascurata la pagina Facebook! Va curata ancora di più, con i contenuti ancora più interessanti e di valore.

Blogger senza Facebook

Forse per questo che mi è venuto in mente un piano editoriale guidato per la pagina Facebook per il mese di agosto da scaricare e prepararsi per il mese più complicato dell’anno!

Il piano editoriale è arrivato con un messaggio privato su Facebook a chi sulla mia pagina Facebook commentava un post particolare con la parola “Agosto”.

È stato un piccolo successo perché il post è stato visualizzato da più di 30.000 persone e commentato più di 600 volte! Direi che l’idea di utilizzare il bot di Chatfuel ha superato le mie aspettative. L’ho detto e lo ripeterò ancora più volte, Facebook è il mio social preferito per la promozione del blog e forse per questo che comunque ogni mese ci scrivo qualche post. Questo mese ne ho scritti tre 😊 .

Articoli pubblicati

 

A luglio ho fatto un’analisi della presenza del mio blog su Facebook del mese di giugno: Cosa pubblicare su Facebook: analisi di Combinando + piano editoriale. Ho spiegato come utilizzare un bot per inviare i messaggi automatici a chi commenta sulla pagina Facebook e ho condiviso i risultati della mia esperienza con il piano editoriale: Come inviare i messaggi automatici a chi commenta sulla pagina Facebook. Il sistema si è rilevato non solo molto efficiente, ma anche divertente e quindi te lo consiglio! Infine ho scritto un post su come scoprire come targetizza la pubblicità su Facebook la tua concorrenza, ma non solo. Se sei alle prime armi con la creazione delle inserzioni ti potrà essere molto utile osservare gli altri.

Per non dare troppa importanza al social di Zuckerberg ho scritto un post sulle collaborazioni tra blogger: come possono collaborare due o più persone che vogliono realizzare qualcosa assieme. Quali sono i vantaggi, i rischi, cosa e come fare, quali prodotti digitali considerare e quali programmi utilizzare. È stato uno dei post più letti a luglio! L’avrei scommesso perché quando si decidere di mettere assieme le forze nella direzione giusta si creano davvero dei progetti molto belli e di valore.

Con il post di Dare o prendere cosa è meglio nel business e nel blogging, ispirato dal libro di Adam Grant Più dai più hai, ho cercato di analizzare i tre tipi di persone che solitamente incontriamo nella nostra vita professionale: coloro che danno, coloro che prendono e coloro che equilibrano. Chi di loro vince nella vità professionale? La risposta ti potrebbe stupire!

Le foto grigie su Instagram (e non solo) non vanno per niente bene, così ho pubblicato un piccolo tutorial del programma gratuito Snapseed su come schiarirle. Le indicazioni da seguire sono semplici e veloci e ti assicuro che il tuo profilo di Instagram acquisterà un sacco di luce 😊.

L’ultimo post sia per le visualizzazioni sia per l’importanza era il tutorial del programma Pablo che crea citazioni da condividere sui social. Se noti bene su Facebook vanno alla grande, quindi forse vale la pena pubblicarle sulla propria pagina, soprattutto se sono le citazioni prese dai tuoi post che creano la tua posizione da esperto in rete.

Un po’ di analisi

Sono molto contenta perché mi sto avvicinando al 50% del traffico che proviene dai motori di ricerca.

Ci sono in particolare due articoli che si sono posizionati molto bene: uno su Instagram e uno sulla pagina Facebook. L’articolo su Instagram è un po’ particolare perché spiega come aggiungere più link al proprio bio (Come aggiungere più link su Instagram) e credo che sia proprio quello che tutti coloro che utilizzano Instagram vorrebbero, ossia avere la possibilità di poter aggiungere più link. Il metodo spiegato nel mio post alla fine potrebbe deludere perché sì, è possibile farlo, ma gli sconvenienti superano i vantaggi! Purtroppo non è una parola chiave molto di qualità (ha una frequenza di rimbalzo più alta della media), proprio perché chi cerca una soluzione con questo post non la trova.

Invece il post Come promuovere una pagina Facebook senza pagare la pubblicità è ormai fisso sulla prima pagina di Google 😊 e porta il traffico per varie parole chiave coerenti con il tema ricercato ed è diventata una parola chiave di qualità perché non solo ha la frequenza di rimbalzo più bassa delle altre, ma converte anche (le persone da questo post compiono altre azioni sul blog: si iscrivono alla newsletter, al gruppo Progetto Blog o cliccano il Like sulla pagina Fb).

Ad agosto cosa succede?

Non lo so! Ma è appena partita una pagina su Facebook comune Blog Magazine. I migliori contenuti delle blogger italiane dove andiamo a condividere con le ragazze del gruppo Progetto Blog i migliori blog post. La copertina e il logo è stata progettata da Federica Colombo, anche lei blogger (in rete la trovi qui: Kilki Tales), ma soprattutto grafica e designer! Seguici se ti piace e se vuoi invece far parte di questo progetto e proporre i tuoi contenuti, entra nel gruppo Progetto Blog.

Ad agosto sicuramente scriverò due articoli: come fare un’analisi di mercato prima di partire con un’idea e come il blogging riesce a valorizzare il territorio. Il resto è un’incognita, se mi segui sai che un piano editoriale per me è uno sconosciuto e credo che prima o poi scriverò un post anche su quello 😉.

Seguimi su Facebook per restare aggiornata!

Buon blogging.
Agnieszka

  • Mi piace leggere i tuoi blogupmylife. Anche io non ho un buon rapporto con il piano editoriale e soprattutto nell’ultimo periodo è un’incognita. Brava comunque, stai andando alla grande 🙂

    • Grazie :). Io non uso il piano editoriale perché mi sembra troppo rigido come strumento. Tu non lo fai per lo stesso motivo?

      • Sì, per lo stesso motivo. Ho provato a farne uno 6 mesi fa ad apertura blog, ma mi sono resa conto che non mi è possibile rispettare i piani. Ho una lista di argomenti, divisi per mese (ma poi spesso slittano al mese/i successivo/i) e da lì pesco quello che mi va di sviluppare, in base all’ispirazione, al tempo ecc. 🙂

        • Io idem, ho ancora nel quaderno le idee non sviluppate da febbraio perché non me sento ancora pronte in testa ;).