Come utilizzare Pixel di Facebook per il blog

Marketing

Sono tante le pagine che visitiamo in rete ogni giorno, soprattutto quando vogliamo approfondire un tema ben preciso. In questi casi entriamo anche su dieci siti diversi. Ti è mai capitato?

Alcuni ti colpiscono! Entri, leggi un articolo, poi un secondo e paf, il colpo di fulmine.

Hai trovato ciò che cercavi e anche molto di più. Se sei capitata su un blog, evidentemente l’autore ha ben definito per chi scrive i contenuti, ti senti come se lo facesse proprio per te e a questo punto cosa fai?

Ti iscrivi alla newsletter, clicchi mi piace sulla Pagina Facebook o aggiungi il feed Rss. Fai qualcosa o tutto assieme. Insomma, compi un azione per non perdere il sito (anche se spesso succede lo stesso 😀 ).

Questo scenario è bellissimo, del tipo “E vissero tutti felici e contenti”.

Poi arriva la vita reale, oops virtuale.

La gente entra sul tuo blog, fa un giretto, ma siccome è il sesto che vede nel giro di un quarto d’ora, esce senza compiere un’azione.

Chiude Crome, Opera, Firefox, Edge o altro e non ci torna mai più, insomma, ti ha perso tra i milioni di contenuti della grande ragnatela.

A questo punto puoi accontentarti e farti seguire solo da coloro che sono stati affascinati dal tuo blog a prima vista oppure essere un po’ più strategica e decidere di rintracciarle. Tornare da queste persone che hanno visitato il tuo blog. Ricordarli la tua esistenza, stuzzicarli con i tuoi contenuti e forse… forse colpirli.

Faccio esempio per spiegarmi meglio: vorresti far vedere una guida a pagamento su San Pietroburgo a chi ha letto il tuo articolo su come organizzare un viaggio in Russia?

Certo che lo vuoi fare perché queste persone non sanno che tu hai pubblicato dei contenuti indispensabili per il loro prossimo viaggio, ma tu sai, grazie a Pixel, che loro sono potenzialmente interessati a questa tematica. Grazie a Pixel puoi far visualizzare la tua pubblicità a chi ha già visitato il tuo blog in generale oppure ha letto proprio l’articolo pilastro sulla Russia.

Con il post di oggi scopri:

✔️ Come si comportano le persone in rete quando cercano qualcosa ⬆️

✔️ Cos’è il retargeting

✔️ Cos’è Pixel di Facebook

✔️ Come si installa con il plugin Pixel Your Site e si imposta per monitorare il sito e le singole pagine

✔️ Come si crea il pubblico con i dati raccolti da Pixel (Custom Audience) e come personalizzarlo

✔️ Come si crea un pubblico simile (Lookalike)

✔️ Pixel per il tuo blog? A cosa prestare attenzione!

Cos’è il retargeting

Il retargeting significa che sei tu che torni con i tuoi contenuti: articoli, prodotti o servizi a pagamento dalle persone che hanno visitato il tuo blog.

E Pixel di Facebook è un metodo per fare il retargeting.

Cos’è Pixel di Facebook

È un codice dato da Facebook e installato sul proprio blog che rileva le persone che hanno visitato il tuo sito, hanno letto un articolo specifico oppure hanno quasi acquistato un tuo prodotto. Ti permette di far visualizzare proprio a loro la pubblicità su Facebook e successivamente valutare anche l’efficacia delle tue campagne pubblicitarie, ossia la conversione (quante persone hanno reagito a un tuo annuncio dopo averlo visto su Facebook).

Puoi inserire il codice sul blog (generico) oppure all’interno dei singoli articoli o pagine (eventi) se il tuo blog è multitematico e far visualizzare la tua pubblicità alle persone interessate a temi specifici.

Come si installa il codice Pixel sul blog

Scarica e installa il plugin Pixel Your Site. Il plugin è a pagamento, ma ha una versione di base gratuita che per le tue esigenze da blogger sarà sufficiente. Nel posto indicato inserisci il tuo ID Pixel. Questo plugin è molto semplice da impostare e non richiede copia-incolla del codice html.

Rileva due tipi di dati:

  • I dati generali di chi ha visitato il tuo sito.
  • Gli eventi come per esempio le visite sulle singole pagine o post.

Imposta il Pixel sia generico sia per eventi, anche se oggi ti spiego solo la creazione del pubblico dai dati generali, ma in uno dei prossimi post tratterò anche gli eventi.

Dove trovi l’ID di Facebook Pixel?

Sul tuo account di Facebook Manager Ads: Menu – Pixels

Una volta che hai installato Pixel devi aspettare un po’ perché si connetta. Dopo puoi iniziare a creare il tuo pubblico composto dalle persone che hanno visitato il tuo sito.

Monitorare Pixel

Frattempo installa l’estensione per il browser Chrome, Facebook Pixel Helper, per monitorare il funzionamento del tuo Pixel e successivamente creare con maggiore facilità il pubblico per gli eventi, per esempio composto dalle persone che hanno visualizzato un articolo specifico sul blog (lo vedremo la prossima volta).

Una volta installata l’estensione visualizzi l’icona sulla sbarra e vedi quanti Pixel sono installati sul sito e se funzionano correttamente. Il Pixel Combinando Eventi ci servirà in un secondo momento per fare il retargeting sulle persone che hanno visualizzato un articolo specifico.

Come creare un pubblico da Pixel (Custom audience)

Pixel di Facebook rileva i dati degli ultimi 180 giorni e andando sul tuo account di Facebook Manager Ads (Vai su Audience – Create Audience) puoi creare il pubblico composto dalle persone che hanno visitato il tuo sito, un articolo specifico oppure hanno quasi acquistato un tuo prodotto.

Questo è solo il primo passo! Hai il tuo pubblico da Pixel che potrai utilizzare per la creazione delle inserzioni pubblicitarie.

Nel momento in cui decidi di creare la pubblicità puoi utilizzare il tuo pubblico da Pixel specificandolo maggiormente. La base sono le persone rintracciate, ma puoi definire ulteriormente a chi vuoi far visualizzare la pubblicità:

✔️ Età

✔️ Luogo di residenza

✔️ Lingua

✔️ Interessi specifici. Per esempio le persone che hanno visitato la tua pagina negli ultimi 10 giorni e alle quali piace la pagina Facebook Partiamo in Russia (la più famosa su Facebook per organizzare il viaggio in Russia).

Io personalizzo sempre il mio pubblico! Escludo i maschi ? per ovvi motivi, il mio blog è per le ragazze e quindi anche se loro visitano il mio sito non gli faccio vedere i miei post sponsorizzati su Fb. Definisco l’età tra 23 e 45 anni perché è questa fascia che interagisce maggiormente con i miei contenuti sia sul blog (Google Analytics) sia su Facebook (Insight).

Custom audience e Lookalike audience

Qualche volta se il tuo blog è alle prime armi ed è ancora visitato da poche persone, il pubblico creato in questo modo non è sufficiente per far partire la campagna pubblicitaria.

Come puoi vedere nel primo caso ho creato il pubblico da Pixel (Custom audience), ma il pubblico è troppo piccolo e non consente di fare una campagna pubblicitaria seria con dei risultati concreti.

In questo caso, a partire dal tuo pubblico – Custom audience, che ha proprio visitato il tuo sito, puoi creare il pubblico simile a quello di Pixel, chiamato Lookalike. Certo che non è lo stesso, ma Facebook, basandosi sugli interessi delle persone, ti proporrà un pubblico potenzialmente interessato ai tuoi contenuti.

Il pubblico Lookalike sarà assolutamente sufficiente in termini numerici per la pubblicità e anche qui puoi specificare maggiormente!

Attenzione

Un pubblico creato da Pixel non è lo stesso del pubblico Lookalike, ossia simile a Pixel.

Il pubblico creato da Pixel ha visitato il tuo sito, quindi non è il primo contatto che ha con te! Anche solo vagamente, ma si ricorda del tuo blog. Fai mente locale e ricordati quante volte ti è successo che dopo aver visitato un sito, il giorno dopo hai visto la pubblicità su Fb? Non è il caso, è Pixel 😀 .

Il pubblico Lookalike visualizza molto probabilmente la tua pubblicità per la prima volta. Ma tu chi sei?

Cura il linguaggio. Un conto incontrarsi per la prima volta, un conto se ci conosciamo già un po’, anche solo di vista 😉 .

Questo significa che all’inizio Pixel ti aiuta a creare il pubblico simile al tuo, ma per fare proprio il retargeting su chi ha visitato il tuo sito devi portare più persone sul proprio blog. Quindi anche il pubblico Lookalike serve, ma con un linguaggio diverso e filtrandolo con altri interessi in più.

Ovviamente se il tuo blog riceve già parecchie visite potresti utilizzare fin da subito il Custom audience!

Come migliorare il tuo pubblico Lookalike?

Se il tuo blog tratta per esempio i viaggi in Russia puoi creare il pubblico (Custom audience) delle persone che hanno visitato negli ultimi 2, 10, 30 o al massimo 180 giorni il tuo blog, a partire da questo piccolo gruzzolo di persone crei il pubblico Lookalike, quindi simile e in più specifichi che la tua pubblicità su Facebook la vuoi far vedere solo chi tra queste persone ha cliccato mi piace sulla pagina Cultura Italia – Russia.

❗️❗️❗️Nel prossimo post di categoria Facebook ti farò vedere come utilizzare gli eventi! Sono utilissimi soprattutto se il tuo blog è multisettoriale e parli di tanti argomenti: i viaggi in Russia sono solo un decimo, ma hai scritto un-ebook su questa tematica e lo vorresti promuovere. Ti spiegherò come far vedere la tua pubblicità su Facebook solo a chi ha visitato i tuoi articoli sulla Russia oppure ha quasi comprato la tua guida. In questo modo ottimizzi le risorse e vai dalle persone potenzialmente interessate ❗️❗️❗️

Ho deciso di dividere il post tra Pixel generico e eventi perché mi è sembrato già tanto ricco di informazioni.

Infine ti assegno un piccolo compito ?.

➡️ Se non hai ancora installato Pixel, fallo e prova a creare il tuo pubblico, così vedi se è già sufficiente oppure ti occorre il Lookalike.

Lookalike in ogni caso è utile se vuoi attirare l’attenzione di nuove persone ?.

Infatti in questo momento il mio pubblico da Pixel non è sufficiente per fare il retargeting, anche perché non si riesce a rintracciare tutti, ma devo dire che anche sperimentando il pubblico Lookalike si riescono ad ottenere dei risultati.

Pixel per il tuo blog

Quando non è veritiero questo dato? Quando la maggior parte del traffico sul tuo blog proviene dai gruppi di scambio e tu basandosi su questo dato ti crei il tuo pubblico Lookalike! Succede che Facebook visualizza la tua pubblicità a chi potrebbe non essere interessato ai tuoi contenuti. Quindi, se sei molto attiva nei gruppi di scambio, ma comunque vuoi sperimentare la pubblicità su Facebook, orientati piuttosto verso l’individuazione di interessi precisi delle persone.

Per concludere

Strumenti che ti servono per installare Pixel:

  • Il plugin per WordPress: PixelYourSite;
  • L’estensione per il browser Chrome: Facebook Pixel helper;
  • Il tuo account di Facebook Ads Manager (linkato sopra);

Nel post ho citato anche il concetto dell’articolo pilastro e lo puoi scoprire qui: Come scrivere un articolo pilastro per il tuo blog: esempi ed esercizi pratici.

La mia sketchnote per riassumere le informazioni!

Pixel per Facebook Sketchnote

Siamo arrivate in fondo! Spero che il post ti sia piaciuto e tu l’abbia trovato abbastanza chiaro.

Ti sarò molto grata se lo condividi in rete! Ci ho messo un po’ a prepararlo e sto già scrivendo la seconda parte che riguarda gli eventi di Pixel e un video tutorial per definire gli interessi del tuo pubblico 🙂 .

A presto!
Agnieszka

  • Marta Calvetto

    Non valeeee! Io non ho WordPress ?

    • Girovagandoconstefania

      Neppure io ho wordpress ma si può copiare il codice nell’header di blogger!! Provo e ti faccio sapere se funziona 🙂

      • Marta Calvetto

        Grazie, Stefania ? Speriamo funzioni perché è davvero interessante!

      • Brava Stefania!

    • Ci sono anche le soluzioni per Blogger ;).

  • Questo strumento è fantastico. Ho un dubbio. Sto cercando di trovare il Facebook Pixel ID e mi rimanda al io profilo personale Facebook piuttosto che alla pagina. E’ corretto?

    • No, lo dovresti recuperare dal facebook ads manager. Sei riuscita?

  • Giorni Rubati

    Questo articolo davvero utile! Però trovo solo le versioni a pagamento di pixel….dove trovo quella base gratuita?Grazie mille! Troppo preziosa!

    • Cosa intendi per le versioni di Pixel a pagamento? Il Pixel è gratuito, al massimo alcuni plugin costano, ma quello di cui parlo io nel blog post ha anche la versione gratuita e funziona bene :).

  • Barbara Milani

    davvero molto interessante! ho seguito passo passo la tua spiegazione e credo di aver fatto tutto bene. ora non resta che provare a vedere cosa succede! chissà se in realtà ne ho capito qualcosa ahahaha!!

    • Sono sicura di si :). Vedrai qualcosa on le prime inserzioni create da pixel e Lookalike.

  • Marta Frigerio

    Ho appena installato Pixel (fino a oggi catalogato sotto la dicitura ‘Cose che non capirò mai veramente a cosa servono’) grazie a questo articolo e ora lo sperimenterò come se non ci fosse un domani. Grazie Agnieszka, leggerti è sempre utilissimo! 🙂

    • Grazie a te e ora non mi resta che incrociare le dita per il tuo pubblico :).