Il lettore ideale – ti trova, ti scopre e resta a seguirti

Blogging

Sul tema del lettore ideale, ovvero colui che meglio rappresenta la persona (target) al quale si indirizzano i contenuti del tuo blog, avrai già sicuramente sentito e letto.

Oggi mi vorrei concentrare sui vantaggi che puoi trarre dalla precisa individuazione del lettore ideale nei rapporti con le aziende in vista di collaborazioni.

Un blog è destinato ad essere letto, altrimenti non si va lontano. Essere letta e seguita è il presupposto minimo per iniziare a ideare qualsiasi altra attività legata alla tua presenza virtuale: i tuoi prodotti o servizi a pagamento oppure collaborazioni con le aziende, affiliazioni, articoli sponsorizzati, test dei prodotti oppure storytelling sulle esperienze.

O un colpo di fulmine o niente

Sappiamo tutte che da un po’ di anni il blog può essere anche uno strumento di marketing importante che influenza le scelte delle persone. Ma affinché ciò accada ci vogliono i lettori: persone che ti trovano, ti scoprono, si affezionano (e perché no?) e restano a seguirti perché quello che scrivi gli torna utile in qualche aspetto della loro vita.

Le persone molto spesso arrivano sul tuo blog dai motori di ricerca, tipo google. Se fin dall’inizio definisci a chi sono indirizzati i contenuti del tuo blog, quindi chi sono i destinatari, sarà più semplice invogliare le persone giuste a restare.

lettore-ideale

La cucina si – ma non per tutti

Facciamo l’esempio di un blog sulla cucina per i principianti. Con le ricette semplici, non troppo impegnative, con spiegazioni chiare, senza dare niente per scontato, neanche le dosi.

Tra gli ingredienti aggiungi anche un pizzico della propria personalità, che sarà uno dei più importanti e creerà il carattere personale del blog.

Per chi crei i contenuti del tuo blog?

Non per tutti gli amanti della cucina. Ovvio. Il target saranno le persone un po’ maldestre in cucina che non sanno cucinare, ma hanno voglia di imparare gradualmente. Chi è questa persona che rappresenta il tuo gruppo di destinatari?

  • Maschio o femmina?
  • Single o coniugato/a?
  • Che cosa gli piace fare nel tempo libero?
  • Che livello di cultura ha?
  • Di che cosa ha bisogno?
  • Che cosa sogna nella vita?
  • Che problema ha e che cosa cerca: informazioni, risposte ai suoi dubbi, motivazione, possibilità di crescita personale o professionale oppure divertimento e svago?
  • Come puoi risolvere il problema con i contenuti del tuo blog?

Che cosa ti differenzia dagli altri che offrono le soluzioni agli stessi problemi?

lettore-ideale-2

Perché è così importante definire chi è il tuo lettore ideale?

  • Saprai dove cercarlo, dove promuovere i tuoi contenuti, che linguaggio utilizzare sul blog e che grafica è più adeguata.
  • Potrai rispondere meglio ai suoi bisogni e questo è fondamentale affinché chi ti trova, ti segua.
  • Potrai valutare quante volte a settimana pubblicare: se i tuoi lettori sono super impegnati non avranno il tempo per leggere i tuoi 4 post a settimana, restiamo modesti e oggettivi 😉 .
  • Potrai targetizzare meglio la pubblicità su Facebook, se mai ne avessi bisogno. In alcune situazioni io dico di SI alla pubblicità su Facebook evvia!
  • Saprai in futuro che prodotti creare per i lettori perché avrai capito i loro problemi e bisogni (per esempio un prodotto da dare gratuitamente per far iscrivere le persone alla newsletter).
  • Se decidessi di creare i contenuti a pagamento avrai già una minima idea se i tuoi lettori se li possono permettere.

Perché le informazioni sul lettore ideale ti serviranno nei rapporti con le aziende?

Non vorrai neanche tu collaborare con tutti. Per restare coerente farai le tue scelte per pubblicare i contenuti che piacciono a chi ti segue e legge.

  • Se conosci il tuo target è più naturale definire la cerchia delle aziende con le quali collaborare perché avete i target identici o molto simili.
  • Sarà più semplice preparare l’offerta con la richiesta di collaborazione se è corredata dai dati analitici sui tuoi lettori.
  • Diventerai più ambita per un’azienda se i loro prodotti o servizi rientrano tra i sogni, desideri o risoluzione di problemi dei tuoi lettori.
  • Sarai più forte nella negoziazione con le aziende se gli dici che hai 15.000 o 100.000 persone che mensilmente visitano il tuo blog e sono le persone che rientrano nel target dell’azienda.
  • Grazie a queste informazioni potrai dare visibilità ad un’azienda sul tuo blog, con un articolo personalizzato.

Tu hai un’arma che sono i tuoi lettori e quindi fatti seguire dalle persone giuste. 

lettore-ideale-4

Due esercizi per individuare su base dei destinatari del tuo blog le potenziali aziende

Pensa alle 6 aziende (potrebbero essere semplicemente anche i ristoranti, alberghi, piccoli produttori di vari prodotti oppure fornitori di vari servizi, ect.) che hanno come target dei propri prodotti o servizi i lettori del tuo blog.

  • Che cosa potresti offrire con il tuo blog alle aziende in questione?
  • Perché dovrebbero collaborare proprio con te?

Sull’etica di pubblicare i contenuti a pagamento sul proprio blog e se e come informare i propri lettori parlerò prossimamente, mi sembra un tema molto interessante e spero di aprire una discussione più profonda.

Se con questo post ti ho aiutato, ti ho fatto riflettere per quanto riguarda il tuo blog oppure ti ho risolto qualche problema, vuol dire che sei nel posto giusto e mi farà molto piacere se tu resti.

Se ti va, scrivimi nei commenti chi vorresti come il lettore ideale per il tuo blog.

Il contenuto di questo post è stato utile? Condividilo sui social media oppure invia il link all’articolo ad una persona che sai che ne ha bisogno.

Ti ringrazio tantissimo 🙂 .

Agnieszka

  • Elisa e Dintorni

    Post molto utile Agnieszka. Ho deciso di prendere appunti ed annotarmi alcuni spunti che ho trovato durante la lettura per perfezionare e migliorare alcuni aspetti e partire proprio da zero con altri.

    • Buon proseguimento e se ti va fammi sapere come procede!

  • Lucia Lesley Pisano

    Lettura piena di spunti molto interessanti! Noi siamo ancora un piccolo blog, ma a fare le scelte giuste si comincia da subito, giusto?!

    • Giustissimo! Più vai avanti più è difficile cambiare certe impostazioni, anche dentro di te ;-).

  • Girovagandoconstefania

    Domande essenziali sulle quali riflettere. Alcune cose le ho già messe in pratica ma ad esempio fb ads non mi ha mai portato risultati.

    • Per Fb ads, non saprei che cosa scriverti perché non so per che cosa hai impostato la pubblicità e in che modo hai targetizzato le persone. Se era solo per far crescere la pagina oppure indirizzare le persone sul tuo blog. Sarebbe da approfondire, ma prima o poi scriverò anche su FB ads :-D.

  • Molto interessante questo post. E’ un anno che scrivo sul mio blog ma in realtà non credo di essermi mai posta davvero queste domande… vorrei fare il salto di qualità, quindi mi sa che dovrò rivedere tante cose, non penso di avere mai avuto un “lettore ideale” in mente quando scrivo, o forse non così ben definito. Grazie mille per gli spunti di riflessione!

    • Spesso è la passione e voglia di condividere pensieri, emozioni, foto o conoscenze che ci spinge a lanciare un blog, quindi è naturale farsi queste domande in un momento successivo. Ma se te le fai, significa che sei arrivata al momento del salto di qualità ;-).

  • Camilla Assandri

    La maggior parte delle domande che hai elencato nell’articolo non me le sono mai poste. Forse è arrivato il momento di riflettere e trovare il mio lettore ideale.

    • Se ti va fammi sapere a che conclusioni sei arrivata con il tuo lettore ideale.

  • Lianka – leggidellamagia

    Ciao molto interessante il prossimo articolo che scriverò terrò conto delle Tue domande. Grazie

    • Prego! Se ti va, condividi l’esperienza dopo aver scritto post. Sono curiosa!

  • Sara Ciolini

    Hai proprio ragione. Ho sempre pensato a questo aspetto, ma poi manca la voglia, la costanza e il tempo. Dovrei proprio darmi da fare 😀

    • Si, il tempo è importante, ma una volta definito il lettore ideale, questo dovrebbe aiutare :-), è vero che toccare questo tema ci fa ripensare a tutto il blog…

  • Stella Nieri

    Decisamente utile…il problema è metterlo in pratica. 😉
    Grazie per queste preziose info. 😉

  • Illbrightback

    Mi piace questo post, utile e dritto al punto. In linea teorica queste cose le sapevo già: grazie ad alcuni corsi di web writing che ho seguito, ho capito che definire i tuoi “personas” è fondamentale per riuscire a scrivere con cognizione di causa. Ecco, la teoria la sapevo, per la pratica sono un po’ indietro…ma questo tuo post mi ha dato la spinta giusta!! Grazie 🙂

    • La teoria una cosa bellissima, ma come dici, non sempre facile da applicare, soprattutto se l’argomento del blog è largo.

  • Valeria Castiello

    Mi piacciono sempre moltissimo i tuoi post! In questo caso il problema me l’ero posto, ma avendo mille interessi e sfaccettature ho sempre avuto difficoltà ad avere una nicchia specifica: so solo per che tipo di viaggiatori NON scrivo 😀

    • Ti ringrazio per il tuo commento :-). Ti sei posta già il problema, quindi con il tempo secondo me potresti arrivarci a stringere un po’ la nicchia, studiando anche gli articoli e le informazioni che pubblichi.

  • Sicuramente conoscere il proprio lettore tipo è importantissimo!

    • Certo! non è facile, ma davvero vale la pena studiarlo.

  • Grazie mille :-).

  • Mai fatto e credo sia giunto il momento di pensarci; potrebbe essere utile nel mio caso, contando che ho un blog nato in principio con un’estrema settorialità (cucina), che ora racchiude di tutto (rendendo magari difficile la “conquista” dei lettori).
    Una domanda: una volta individuato il target, come si “procede”? Voglio dire, cosa si deve cambiare nel proprio approccio al blogging?
    Grazie!

    Alice

    • Grazie per il tuo commento. Se sei già on-line e hai definito il tuo lettore ideale verifichi se effettivamente queste persone ti seguono… Verifichi quindi le statistiche di Google Analitycs e gli Insight su Facebook. Valuti se quello che fai risponde alle loro esigenze. Sicuramente ti aiuta a migliorare la comunicazione, capire se e dove conviene promuovere per ottenere i risultati migliori. Sopratutto capisci se sei riuscita ad attirare al tuo messaggio del blog le persone che desideravi. Per questo che devi fare una verifica incrociata tra chi vorrei e chi c’è :). Spero di essere stata chiara.

  • VIAGGI DEL MILIONE

    Davvero interessante, utilissimo articolo, che spero di sperimentare al meglio sul mio destination blog. Complimenti.

    • Grazie! Buon lavoro 🙂 e … fammi sapere se sei riuscita a farlo.

  • Samanta Giambarresi

    Eh sì, Agnieszka, il mio problema principale e che non ho pensato subito al mio lettore ideale e ne pago le conseguenze… Pian pianino studierò tutte le tue informazioni. Grazie ancora

    • Non ti preoccupare, puoi sempre recuperare questo aspetto. Confronta le statistiche e i dati di Insight di Facebook per verificare se chi tu hai in mente ti segue davvero oppure i dati non coincidono e occorre cambiare qualcosa. In bocca al lupo.