Perché installare i plugin su WordPress.org – quali scegliere per gestire meglio il blog?

Blogging

Il post di oggi è dedicato ai plugin – i piccoli programmi pensati e sviluppati da esterni per la piattaforma WordPress che si installano per gestire meglio il blog.

Nella prima parte conosceremo i plugin e la seconda parte è dedicata a quelli che consiglio di installare. Spero che dopo la lettura di questo post non ti chiederai più perché installare i plugin, come installarli, quando evitarli e quali scegliere.

Puoi immaginarti il blog come una casa vuota appena comprata, per abitarla e viverla meglio hai bisogno di vari elementi, che sono plugin: un antispam perché nessuno ti mandi le lettere (i commenti) a gogo in inglese dai siti spammer, uno per facilitare ai tuoi lettori la condivisione sui vari social dei tuoi articoli, uno per commentare in modo più veloce, uno per inviarti un alert quando i link esterni non funzionano, eccetera.

La gestione di casa tua con questi piccoli programmi è più semplice e più sicura.

Quali requisiti devono avere i plugin per essere affidabili?

Devono essere aggiornati per essere sempre compatibili con la versione di WordPress e con il tema del tuo blog, altrimenti si rischia di avere qualche interferenza e combinare qualche pasticcio. Anche aggiornare subito ha i suoi svantaggi, spesso nelle primissime versioni ci sono dei bachi che vengono (almeno per i plugin più scaricati) risolti in pochi giorni. Quale è il comportamento migliore in questi casi? Una risposta condivisa da tutti non c’è, io personalmente ho disattivato gli aggiornamenti automatici e aspetto un paio di giorni prima di procedere con l’aggiornamento manuale.

Come controllare i plugin installati dai vari siti?

Immagina che sei a casa di altri e ti piace qualche aspetto particolare del suo blog. Utilizzando il sito What WP theme is that puoi scoprire non solo il tema del blog, ma anche i plugin installati e attivi.

Non tutti gli elementi che ci piacciono sono dei plugin, alcuni potrebbero essere degli elementi fissi del tema e quini non replicabili con un plugin.

Come si installano i plugin?

I plugin sono supportati nella piattaforma WordPress.org, chiamata comunemente self-hosted (con il proprio dominio e hosting esterno) oppure nella piattaforma WordPress.com, nelle versioni a pagamento più care (almeno con il piano premium, perché quello base a 2,99 non dà la possibilità di installare i plugin)!

I plugin si installano direttamente dalla bacheca – plugin – aggiungi nuovo. Una volta scaricato e installato bisogna attivarlo e a seconda del plugin mettere le impostazioni. Per esempio per i social media plugin collegare con il proprio account di Instagram o di Pinterest.

Perché installare plugin su WordPress.org

  • Per avere un blog gestito meglio.
  • Per avere un blog con l’aspetto più bello.
  • Per differenziarsi dagli altri che utilizzano il tuo stesso tema per il blog.

Perché non installare i plugin?

Valuta se qualcosa è davvero necessario gestire le funzionalità desiderate attraverso il plugin oppure puoi imparare a modificare il codice html e farne a meno. I plugin risolvono tante questioni di gestione del blog, ma rallentano il sito. Questo ti penalizza nei confronti di Google. Un esempio classico dove non è necessario installare il plugin è l’attribuzione nofollow ai link. In questo piccolo tutorial ho spiegato come farlo a modificare l’attributo di un link senza rincorrere ai plugin: Come aggiungere l’attributo nofollow ai link esterni?

Se installi troppi plugin potresti anche riscontrare i problemi di compatibilità tra di loro, diventa un’impresa a scoprire quali non si tollerano troppo. Se hai circa 20 plugin le variabili sono tantissime!

Quali plugin ti aiutano a gestire il blog?

WP RELATED POST

Sotto ogni post mette altri articoli correlati, aiutando il lettore a passare su un altro post della stessa categoria o tag. Sicuramente velocizza il lavoro, ma personalmente preferisco lavorare sui link interni e scegliere io che cosa proporre di davvero collegato al tema.

YOAST SEO

Aiuta a posizionare il sito nei motori di ricerca. Imposti la parola chiave per l’articolo che hai scritto e nella schermata sotto l’articolo puoi verificare se per questa parola chiave hai rispettato gli elementi necessari. Ovviamente le informazioni di questo plugin sono solo indicative e non garantiscono di apparire nei risultati di Google anche se tutti i pallini sono verdi. L’ho spiegato abbastanza in questo articolo: Perché il mio blog non appare nei risultati di ricerca di Google?

Plugin Seo by yoast in pratica, dopo aver impostato una parola chiave.

NEXT GEN GALLERY

Il plugin più utilizzato per la gestione delle immagini, soprattutto per le gallerie fotografiche. Ma ha anche altre funzioni, una su tutte è quella di applicare l’effetto Lightbox a tutte le immagini di WordPress

GOOGLE XML SITEMAPS

È un plugin molto importante perché tutte le volte che pubblichi un post nuovo invia le informazioni ai robot di motori di ricerca come: Google, Yahoo, Bing per indicizzare il tuo articolo. Il plugin crea anche la mappa logica del tuo sito.

AKSIMET

Tiene lontano dal tuo sito i commenti scritti dagli spammer! Non è necessario se utilizzi DISQUS.

W3 TOTAL CACHE

Aiuta a velocizzare il tuo blog creando la cache del tuo sito.

DISQUS

Faciliti i lettori a commentare. So che non a tutti piace e ho l’impressione che in Italia questo sistema è poco utilizzato. Io stessa sul blog in polacco non l’ho installato, ma devo ammettere che la gestione dei commenti è più semplice!

UPDRAFT PLUS BACKUPS

Ogni giorno salva la copia dei contenuti del tuo blog! Se mai dovesse succedere qualcosa, una copia è al sicuro, altrimenti potresti perdere il tuo lavoro. Molti servizi di hosting offrono già il back-up, ma averne uno proprio non fa male (immagina se succede qualcosa il sabato quando l’assistenza del servizio di hosting è limitata e fino a lunedì non potrai fare nulla sul tuo blog…. Tremendo…). Ce ne sono diversi, questo consigliato ha la particolarità che ti invia il backup via mail.

CONTACT FORM

Permette di creare un formulario (guarda il mio – scrivimi) per contattarti. Il tuo blog guadagnerà subito un’aspetto più professionale.

TOP CONTENT WIDGET

Basandosi sui dati di Google Analytics propone gli articoli più letti del blog di un determinato periodo di tempo.

BROKEN LINK CHECKER

Ti evidenzia i link che per qualche motivo non funzionano più sul sito e sono da sistemare. Avere tutti i link, anche quelli degli articoli più vecchi, sempre funzionanti è un segno di serietà del blog (oltre ad essere elemento di valutazione da parte dei motori di ricerca per il posizionamento).

WP SMUSH – IMAGE OPTIMISATION

Ogni foto che carichi sul blog sarà ottimizzata e grazie a questo il sito è più veloce e si naviga meglio.

TWEET TO CLICK

Puoi creare i tweet pronti o con il testo oppure con le immagini per i tuoi lettori all’interno del tuo blog post!

INSTAGRAM SLIDER

Fa vedere le tue foto pubblicate su Instagram anche sul tuo blog nella sidebar (colonna) oppure nel footer (in basso).

PLUGIN SOCIAL

Qui si apre una grande argomento. La condivisione sui social è fondamentale per i blog ed esistono tanti servizi. Alcuni temi hanno già alcune funzioni di base per la condivisione sui social, ma per gestire bene questo aspetto fondamentale è opportuno installare un plugin.

Ne esistono tanti, con una serie di funzioni di base gratuite e disparate funzioni a pagamento.

I più famosi sono:

  • Sumo Me
  • Add This
  • Sareaholic
  • Share buttons by AddtoAny
  • Share This
  • Digg Dagg
  • Monarch
  • WP Social Sharing
  • Social Warfare
  • Ultimate Social Deux
  • WPSharely

SUMO ME oppure SHAREAHOLIC?

Entrambi permettono di condividere direttamente dal blog i tuoi articoli sui social media e in back office di visualizzare le statistiche quale dei post è stato condiviso maggiormente e dove.

Sumo me permette di condividere sui social anche le singole foto e verificare quali articoli sono stati condivisi sui social direttamente dal blog.

Shareaholic permette di condividere le foto solo su Pintrest e le statistiche dei post più condivisi sui social sono cumulative tra le condivisioni dei link già presenti sui social e dal blog.

Schermata del plugin Shareaholic con le statistiche.

JETPACK

Due parole anche per questo famoso multiplugin (tante funzioni in un solo programmino) creato dal team di sviluppo di WordPress.com.

Sostituisce molti dei plugin che ho elencato, ma personalmente non l’ho mai provato perché temo che nel pacco all-inclusive ci siano funzioni per me inutili o, al contrario, di non poterlo personalizzare al livello di un SEO by Yoast per esempio.

Sicuramente anche tu hai qualche plugin da consigliare, raccontalo nei commenti 🙂 .

A presto
Agnieszka

P.S. Se hai ancora 4 minuti leggi il mio post riguardante il plugin Yoast Seo, il più famoso per ottimizzare i contenuti del blog su Google.

Perché il plugin Yoast SEO non risolve i tuoi problemi per posizionare il blog?